mercoledì 3 agosto 2016

Marco Mengoni sblocca una traccia sull'app


Udite udite! 
Marco Mengoni, dal luogo non troppo misterioso in cui si trova per una vacanza-lavoro (probabilmente è a Los Angeles dal suo produttore Michele Canova), ci invita a sbloccare una nuova traccia musicale nella sua app. 
Si tratta di "Morning light", l'adattamento in inglese di "Dove siamo" contenuta nell'album "Le cose che non ho".
Forza, andate nella sezione "Le cose che non ho" "Ghost Tracks" e cliccate sull'icona con il lucchetto: se non sarete fortunati (come è successo a me) potete ritentare dopo quattro ore.





lunedì 1 agosto 2016

Quinto platino per GUERRIERO


"Guerriero", di Marco Mengoni, Fortunato Zampaglione e Michele Canova, contenuto nell'album "Parole in circolo", ha ricevuto il quinto disco di platino per le oltre 250.000 copie vendute.
Marco ricorda sempre di aver dovuto combattere per far sì che "Guerriero" fosse rilasciato come primo singolo, perchè troppo distante e diverso, sia per vocalità che per melodia, da quello che aveva inciso negli ultimi dischi, ma evidentemente le intuizioni di questo ragazzo vanno oltre le strategie delle case discografiche. 
Come dico io, lasciatelo lavorare come desidera! 
Congratulazioni Marco, che tu possa avere sempre il vento in poppa e la creatività dimostrata fino ad oggi, per regalarci ancora capolavori come questo. 




E levo questa spada attraverso il cielo
giuro sarò roccia contro il fuoco e il gelo
Solo sulla cima attenderò i predoni
arriveranno in molti e solcheranno i mari
Oltre queste mura troverò la gioia
o forse la mia fine comunque sarà gloria
e non lotterò mai per un compenso
lotto per amore, lotterò per questo

Io sono un guerriero veglio quando è notte
ti difenderò da incubi e tristezze
ti riparerò da inganni e maldicenze
e ti abbraccerò per darti forza sempre
Ti darò certezze contro le paure
per vedere il mondo oltre quelle alture
non temere nulla io sarò al tuo fianco
con il mio mantello asciugherò il tuo pianto

E amore mio grande amore che mi credi
vinceremo contro tutti e resteremo in piedi
e resterò al tuo fianco fino a che vorrai
ti difenderò da tutto, non temere mai
E amore mio grande amore che mi credi
vinceremo contro tutti e resteremo in piedi
e resterò al tuo fianco fino a che vorrai
ti difenderò da tutto, non temere mai

Non temere il drago fermerò il suo fuoco
niente può colpirti dietro a questo scudo
lotterò con forza contro tutto il male
e quando cadrò tu non disperare
per te io mi rialzerò
Io sono un guerriero e troverò le forze
lungo il tuo cammino sarò al tuo fianco mentre
ti darò riparo contro le tempeste
e ti terrò per mano per scaldarti sempre
Attraverseremo insieme questo regno
e attenderò con te la fine dell’inverno
dalla notte al giorno, da Occidente a Oriente
io sarò con te e sarò il tuo guerriero

E amore mio grande amore che mi credi
vinceremo contro tutti e resteremo in piedi
e resterò al tuo fianco fino a che vorrai
ti difenderò da tutto, non temere mai
E amore mio grande amore che mi credi
vinceremo contro tutti e resteremo in piedi
e resterò al tuo fianco fino a che vorrai
ti difenderò da tutto, non temere mai

Ci saranno luci accese di speranze
e ti abbraccerò per darti forza sempre

Giurò sarò roccia contro il fuoco e il gelo
veglio su di te, io sono il tuo guerriero

domenica 17 luglio 2016

Marco Mengoni, una grande serata a Barolo

Sarà stato difficile salire su un palco a cantare dopo essere stato quasi un testimone oculare di ciò che è successo a Nizza. 
Marco Mengoni tre giorni fa si trovava a Saint Tropez, a poche decine di chilometri dal luogo dell'attentato, perchè avrebbe dovuto tenere un concerto a Les Soirées de la Citadelle il giorno successivo. La serata è stata annullata per lutto nazionale come ha comunicato su facebook:  
"Siamo arrivati ieri in Francia per quella che doveva essere una serata di festa, il primo concerto in questo Paese.
Ora siamo tutti, onestamente, senza parole.
Stasera non suoneremo a Saint-Tropez: è stato proclamato lutto nazionale, per i prossimi tre giorni, in tutta la Francia.
Rientriamo in Italia e rispettiamo questo nuovo dolore."

Ieri sera a Barolo, per la terza tappa estiva del Mengonilive2016, ha risposto a questa nuova barbarie nell'unico modo per lui possibile: donando tutto se stesso, la sua musica e le sue parole di speranza.
Ha dedicato il brano "Esseri umani" a tutte le vittime di violenza nel mondo anticipandolo con il messaggio:
"Siamo qui questa sera a condividere il nostro tempo, siamo qui a condividere dei sorrisi, siamo qui a condividere, spero e credo di sì, la voglia di andare avanti. La voglia di continuare a credere che l'amore é sempre e comunque più forte. Io ci credo ancora, e le parole di questa prossima canzone, le dedico a chi come me, come noi, crede ancora che l'amore esiste".

Vedendoti cantare questa canzone con quella convinzione, ci crediamo un po' anche noi, caro Marco. 

                  Foto di Monica Serafino

Scaletta della serata:

Ti ho voluto bene veramente
Non me ne accorgo
Ricorderai l’amore
Parole in circolo
Esseri umani
Pronto a correre
Ad occhi chiusi
In un giorno qualunque
I got the fear
Freedom
Solo due satelliti
La valle dei re
Master Blaster + Could you be loved (ft. Bamboo)
Guerriero
Una parola
La nostra estate
Io ti aspetto
L’essenziale
Kiss

domenica 10 luglio 2016

Marco Mengoni a Locarno emoziona e diverte il pubblico

Ad aprire la prima serata della tredicesima edizione di Moon and Stars a Locarno, è stato Marco Mengoni che ha fatto da apripista al concerto di Ellie Goulding.

Marco, con la sua band composta da dieci elementi, tra cui le due coriste, che lo hanno accompagnato anche durante le date primaverili del Mengonilive2016, ha svolto le prove in piazza intorno alle 16, ha rilasciato diverse interviste ai giornali locali e alla TV RSI (http://www.rsi.ch/news/vita-quotidiana/cultura-e-spettacoli/Mengoni-e-lansia-di-scrivere-7727072.html
e alle 20.30 è salito sul palco per regalare un'ora di emozioni al pubblico presente, presentando i suoi brani di maggior successo, da "Ti ho voluto bene veramente", "Pronto a correre", "Guerriero", " L'essenziale", "Parole in circolo", "Solo due satelliti", "In un giorno qualunque", "I got the fear", "Io ti aspetto" fino alla novità delle cover: "Could you be loved" di Bob Marley e "Master Blaster" di Stevie Wonder. 
Chissà se Marco ci riserverà qualche altra sorpresa nei prossimi live che ci aspettano: il 15 luglio a Saint Tropèz, il 17 luglio a Barolo e il 23 luglio a Lucca.




Tra il pubblico presente in piazza Fabiana Pianezzi, che ringrazio, ha espresso così il suo entusiasmo:

Locarno, 8 luglio 2016
L'avevo detto: Piazza Grande sarà una splendida cornice.
Nella cornice di venerdì sera ci mettiamo un po' di tutto, al punto che non so da dove iniziare. 
Ci mettiamo quelli che hanno comprato il biglietto per Ellie Goulding e a fine concerto ti dicono "però mi é piaciuto di più Mengoni". 
Quelli che hanno guardato il concerto dai balconi e si sono prima emozionati, poi hanno cantato e ballato. 
Ci mettiamo l'entusiasmo del fatto che la sera stessa é stata annunciata un'ulteriore data svizzera (la terza per il 2016)
Ci mettiamo un pubblico misto e multilingue, composto anche da vacanzieri in ferie a Locarno e sulle rive del Verbano, che magari non conoscevano i pezzi di Marco ma non hanno potuto stare fermi sulle note di "Could you be loved" e si sono lasciati trasportare da "I've got the fear". 
Poi ci mettiamo anche tutti noi, che eravamo in attesa delle novità, che ci siamo lasciati sorprendere durante le prove, che ci siamo ancor più sorpresi, emozionati, scatenati durante il concerto, che conosciamo Marco ma ancora una volta abbiamo realizzato quanto riesca a superarsi ogni volta, sempre, sempre e sempre. 
Non si risparmia, ha cantato con un'intensità e una sensibilità da lasciarci senza fiato, ha riarrangiato pezzi, si é fatto trasportare dalle emozioni dalla prima all'ultima nota. 
Emozioni che é sempre in grado di trasmettere a tutti i presenti, al punto che, quando esci dal concerto, non ti ricordi nemmeno più dove hai lasciato l'auto. 
Ci sono diverse cose da incorniciare e tra queste alcune foto. 
Una la condivido qui, per me é un po' il simbolo della serata: un Marco concentratissimo, che ha cantato spesso ad occhi chiusi. 
Di nuovo, grazie!




(Foto Fabiana Pianezzi, JusquaTOI)

domenica 26 giugno 2016

Marco Mengoni a Lucca Summer Festival

Fra poche settimane Marco Mengoni sarà finalmente il protagonista di un concerto tutto suo a Lucca.

Negli ultimi anni il cantautore, musicalmente onnivoro per sua stessa ammissione, ha frequentato spesso la nostra bellissima città toscana durante il Summer Festival, sia nel luglio 2014 invitato a cantare da Elisa, sia per assistere ai live di alcuni dei suoi artisti preferiti: Stevie Wonder e Lauryn Hill


Il 23 luglio prossimo il suo minilive europeo farà tappa anche a Lucca in Piazza Napoleone, dopo l’8 luglio a Locarno, il 15 luglio a Saint Tropèz e il 16 luglio a Barolo.

I biglietti sono disponibili su Ticketone, LiveNation.it e AppMarcoMengoni‬ 


Ho assistito a numerosi live di questo poliedrico e instancabile artista e al duetto su questo stesso palco con Elisa e sono sicura che Marco saprà rendere magica anche la notte del 23 luglio. Provare per credere! 

Per chi non lo conosce, qui un assaggio di ciò che è capace di fare:


venerdì 24 giugno 2016

Marco Mengoni in Spagna: Raffaella Carrà è pazzesca

Marco Mengoni è un grande artista italiano che ha appena presentato in Spagna il suo nuovo album, "Liberando palabras.



Benvenuto in Spagna, credo che cantare e farti intervistare in spagnolo per te sia una cosa nuova, come lo stai vivendo?

Capisco tutto ma non parlo perfettamente, non riesco ancora a fare un discorso articolato e quindi per me rilasciare un'intervista in questa lingua è una novità, è come iniziare un nuovo lavoro, come ho fatto sette anni fa in Italia.

In Italia sei una star ma qui inizi da zero e puoi tranquillamente camminare per strada

Sì, il primo giorno che ho trascorso a Madrid, ho preso la metro, mi sono sentito come un bambino, che bellezza! E' un nuovo inizio. 

Hai partecipato a X-Factor, al Festival di Sanremo vincendoli e diventando un fenomeno sociale e all'Eurovision.  Aver vinto entrambi i concorsi è una cosa positiva 

Non so perchè la mia carriera è fatta di concorsi, bisognerebbe studiare il caso. 
So che l'ESC mi è servito tanto perchè è grazie a questo se oggi sono qui. 
Dopo aver partecipato, Sony Spagna ha contattato la mia casa discografica in Italia proponendomi di fare un disco in spagnolo.

Quale di queste tre è stata l'esperienza migliore?

Tutte perchè sono diverse ma ognuna fa parte della mia crescita.

Sei un nuovo artista che si propone nel nostro paese, come già hanno fatto i tuoi connazionali come Laura Pausini, Eros Ramazzotti, Albano, Andrea Bocelli e Raffaella Carrà. In chi ti identifichi o quali orme vorresti seguire? 

A Raffaella Carrà! Mi piacerebbe avere una carriera simile alla sua perchè in Italia, Spagna e Sud America è una macchina da guerra, è la perfezione in tutto quello che fa: le canzoni, l'immagine, è una bomba. Ora sta lavorando in Italia ed è incredibile, balla ancora come una pazza, la invidio.

Come è stato lavorare con India Martinez?

L'ho sentita in radio la prima volta che sono venuto a Madrid e ho chiesto a Alvaro Villota (Sony Spain) chi cantasse con quella voce così potente. Mi ha spiegato che era una cantante spagnola e dopo aver consultato la Sony mi ha chiesto se mi avrebbe fatto piacere duettare con lei. Ovviamente sì, amo la fusione della sua voce andalusa con il flamenco.

Di tutte le canzoni su cui hai lavorato, quale ti ha dato più soddisfazione adattare in castigliano?

Alcune mi piacciono più in spagnolo che in italiano, per esempio proprio "Antes che caiga la nieve"  

Cosa ami del nostro paese ora che credo tu lo stia conoscendo meglio?

Me lo sta facendo conoscere un'insegnante molto appassionata! Amo che sia un paese molto aperto, la gente è socievole, se per esempio mi perdo per strada e chiedo un'informazione a una signora, questa mi accompagna a destinazione, è incredibile, in Italia questo non succede.

Hai concerti in programma qui da noi?

Sì, è iniziata la vendita per il 25 maggio al Teatro Barcelò a Madrid.

Qui non lo sei ancora ma in Italia sei famosissimo, ti pesa mai tutta questa notorietà?

No, quando succederà mi fermerò con la musica. In realtà ora sto già pensando al prossimo disco anche se la mia manager ha detto che nel 2017 devo sparire. Ho fatto due album in un anno infatti in Italia è uscita da poco la seconda parte del disco, "Le cose che non ho". 
Però mi piace lavorare, per questo sto già scrivendo qualcosa per il prossimo.

A parte la musica cosa ti piace fare?

Molte cose. Ho studiato Industrial Design in una scuola d'arte e mi piace disegnare le scenografie dei miei concerti, il merchandising, i bozzetti dei testi delle mie canzoni; ho molta passione per progettare, scrivere e girare i video, non so se sono buoni ma sono miei.

Cosa ti aspetti da questo disco?

Non mi aspetto niente, io vivo giorno dopo giorno, non mi pongo obiettivi a lungo termine, preferisco prenderla come un'esperienza per crescere come persona e come artista.

QUI l'intervista a Marco Mengoni per 100×100 Música di Pedro Ángel Sánchez 

mercoledì 22 giugno 2016

MARCO MENGONI COLLEZIONA DISCHI DI PLATINO


Marco Mengoni è l'uomo di platino: in soli sette anni di carriera ha già conquistato 32 Dischi di Platino, per la precisione:

Uno per "Dove si vola"
Tre per "Re matto"
Uno per "Credimi ancora
Uno per "In un giorno qualunque"
Quattro per "L'essenziale"
Tre per "Pronto a correre" (CD)
Uno per "Pronto a correre" (sing)
Uno per "Non passerai"
Quattro per "Guerriero"
Tre per "Parole in circolo" (CD)
Uno per "Esseri umani"
Due per "Io ti aspetto"
Tre per "Le cose che non ho" (CD)
Tre per "Ti ho voluto bene veramente"
Uno per "Parole in circolo" (sing)




Il Disco di Platino viene attribuito per oltre 50000 copie vendute e le 17 certificazioni assegnate fino ad oggi solo per quest'ultimo progetto ("Parole in circolo" e "Le cose che non ho" entrambi del 2015), segnano un enorme successo per Marco, ormai entrato a pieno titolo nell'olimpo della musica italiana.