lunedì 3 marzo 2014

Marco a "Unici - Lucio Dalla-A modo mio"

Martedì 4 Marzo su Rai2 dalle 21:10 andrà in onda "Unici - Lucio Dalla... A modo mio " uno speciale per ricordare insieme Lucio, nel giorno del suo compleanno. Come sempre, a spezzoni di concerti e interviste, si intervalleranno testimonianze di colleghi musicisti e persone particolarmente vicine all'artista. Interverrà anche Marco insieme a  Renato Zero, Ron, Pupi Avati, Luca Carboni e tanti altri.

Marco ha registrato "Meri Luis" insieme a Lucio Dalla, brano che fa parte dell'album "Qui Dove Il Mare Luccica" di novembre 2011.
Durante la presentazione del disco Dalla ha parlato spesso di Marco:

Radio Deejay: "Non sono un amante delle compilation ma una sera in una discoteca sento uno cantare e penso "ma è italiano questo?", Marco Alemanno mi dice che si tratta di Mengoni, io sono rimasto sbalordito perchè mi sembrava Prince che cantava in italiano; Mengoni  ha una musicalità insolita per i cantanti italiani. Allora avevo in mente di recuperare MeriLuis, la canzone che forse mi dà più soddisfazione ma non c'era nessuno che potesse avere un'estensione adatta alla tonalità di questo brano. L'ho invitato e mi sono divertito come un pazzo per cui mi è venuto in mente di far sentire i side B."
 "L'estate scorsa l'ho sentito cantare in un locale delle isole Tremiti ed è stata una sorpresa. Ne avevo sentito parlare ma non credevo fosse così bravo. Con quella voce può cantare qualunque cosa. Ed è l'unico che poteva reinterpretare Meri Luis, forse la canzone più bella e importante che ho scritto. Ha una voce incredibile, sembra Prince. Potrebbe diventare un talento internazionale quando i nostri cantanti arrivano al massimo a San Marino. In futuro spero di fare qualcosa di più completo con lui".
Fnac Milano con Marco Travaglio: "Io oltre che cantante sono anche produttore ma non avevo mai avuto un atteggiamento così  nei confronti della bravura di un altro cantante. Mengoni è il cantante più straordinariamente portato non solo dal punto di vista della tecnica ma anche per l' animus col quale canta"


I migliori Anni: Marco Mengoni lo conoscevo poco perchè è giovanissimo, è venuto a cantare MeriLuis, forse la canzone più bella che abbia mai scritto, e l'ha cantata al primo take in maniera straordinaria. E' veramente un cantante fuori dall'immaginazione,io sono molto colpito dalla sua bravura"


Domenica in: "Sai Marco cosa mi fa ridere? Che io non ti avevo mai incontrato, non avevo mai ascoltato molte cose tue, poi quest'estate in una discoteca alle Tremiti sentii una canzone che mi colpì moltissimo. Mi colpì moltissimo il cantante, mi informai e mi dissero che era Marco Mengoni, e allora mi venne l'idea -se c'è uno che può cantare con me questa canzone che forse è la più bella che ho scritto, è lui - e allora ti ho cercato e l'abbiamo cantata insieme. Io posso dire che, dopo tanti anni che canto e scrivo, capisco subito dall'emissione, dalla qualità del canto che tipo di essere umano è, cioè è difficile che uno che canta così bene sia un traditore e quindi credo che tu sia una persona rilevante anche dal punto di vista dell'umanità, non solo della voce. A quelli che ti stanno vedendo adesso e a quelli che ti ascolteranno dopo lo dico e lo stra-dico: Mengoni è bravissimo."

Marco il 4 marzo del 2013 ha partecipato al concerto in ricordo di Lucio Dalla ad un anno dalla sua scomparsa a Bologna in Piazza Maggiore cantando "MeriLuis" e "Tu non mi basti mai" accompagnato dal sax soprano di Stefano Di Battista.
Le sue parole per Lucio :
"Uno dei più grandi cantautori e artisti che abbiamo in Italia. Mi fa un effetto bellissimo essere qui dove possiamo riportare solo una parte di quello che ha scritto, perchè anche se questo concerto sarà lunghissimo lui ha fatto moltissimi pezzi ed è impossibile farle tutte. Portiamo quelle che ci hanno lasciato di più perchè, io parlo da fan di Lucio, sono 24enne quindi cresciuto con i miei genitori e con lui. Per me è un onore essere qui e prestare la mia voce, spero di farlo al meglio e di divertirmi perché credo che lui da dietro una nuvoletta guarderà questo concerto e si farà un po' di vocalizzi. Dovremmo imparare una cosa dagli americani: fare i tributi quando queste persone sono in vita e far loro sentire davvero quanto sono importanti, per questo paese, per la musica e per l’arte che hanno trasmesso. Ci vedrà lo stesso, ma avrei preferito fosse qui di persona a godersi questo spettacolo perchè è un grande."


"E' un grande della musica italiana ma credo questo sia assolutamente scontato. Attraversavo un momento difficile, di sfiducia nel mondo della musica, nei meccanismi da cui è sorretta e dalla poca libertà. Un giorno mi squilla il telefono e sento -Ciao sono Lucio Dalla, verresti a fare un duetto con me?- Voleva cantassimo "Meri Luis.  Io pensavo fosse uno scherzo del mio team. Comunque ho trovato davanti a me una persona incredibile, con uno spirito allegro e sempre positivo. Un entusiasmo pazzesco in ogni cosa che faceva. Così mi sono detto -ma io che mi faccio mille domande, ho mille dubbi mentre lui è positività e gioia forse ho sbagliato qualcosa - Ecco, averlo conosciuto mi ha regalato forza."

Per Lombardia Oggi: "Lucio mi ha lasciato tanto. Quando abbiamo registrato il duetto era un momento in cui stavo uscendo da un periodo faticoso dal punto di vista lavorativo e umano. Ero in crisi generale, un po' in depressione. Arrivato a Bologna, però, ho visto negli occhi e nelle mani di Lucio, nella sua voce, una carica incredibile. Ho pensato: dopo così tanti anni che fa questo mestiere dovrebbe averne le scatole piene. E invece il suo entusiasmo, la sua energia mi hanno decisamente sconvolto. Ho pensato che io sono qui, nel sistema musica, da quattro anni e sono già in crisi, sempre insicuro di quello che faccio. Conoscerlo è stata un'occasione per mettere meglio a fuoco la situazione e dall'incontro sono uscito come un'altra persona, rinnovato. Lui questo ha lasciato a me, tutto quello che ha lasciato all'umanità lo sappiamo."


Per Chi:" Sa qual è la cosa che mi ha dato più fastidio? Che non si fanno i tributi agli artisti quando sono in vita, ma solo dopo la morte, così non sapranno mai quanto sono stati amati. Ho inciso un brano con Dalla e ho conosciuto un uomo generoso, molto più vicino a me di quanto credessi, basta solo vedere come andava vestito, era la libertà fatta persona"

Per Gioia: "Ti aspetti che uno come Lucio, che ha fatto la storia della musica, ti sputi in capoccia pure mentre gli baci i piedi, e invece ha un’umiltà incredibile, soprattutto ha una fame di musica da pischello. Lucio è assurdo nel miglior senso che si può dare a questa parola. Lucio, e mi vengono i brividi a parlarne, è energia pura e pulita. Stavo registrando nel suo studio e lui per la gioia saltellava sulla sedia con il piede ingessato! Oltre a Lucio ho avuto la fortuna di conoscere Adriano Celentano e Mina, e ho capito che i grandissimi hanno una voglia di arte infinita e la voglia di combattere contro quello che non va nel nostro sistema. Hanno la gioia, ecco. E io, che non sono nessuno, ora che quella gioia l’ho vista nei loro occhi lo devo fare per forza questo lavoro. Perché, tra qualche anno, quello sguardo lo voglio anch’io."

Chat Rai 1 : "Lucio purtroppo era, ma E' ancora, credo che ciò che ha fatto non morirà mai perchè ha scritto dei testi meravigliosi. Per me è stato un maestro perchè quando entri nel mondo della musica che dall'esterno ti sembra molto più luminoso e ti accorgi invece che ci sono molti problemi di libertà su quello che vuoi fare, ti senti alle strette, all'angolo e lì davvero ti viene voglia di scappare e dire - chi se ne frega, la musica me la faccio a casa, non voglio avere niente a che fare con lo show business-. Ero in un momento di crisi e ho ricevuto la proposta da Lucio di duettare con lui. Non ci ho creduto subito, poi sono andato in studio e ho notato che aveva un'energia incredibile e le sue parole, a prescindere dai complimenti, mi hanno spinto a guardarmi allo specchio e invogliato a continuare e bene questo percorso. Che finisca domani o tra dieci anni è bene farlo al meglio mettendoci tutto quello che si può."



Nessun commento:

Posta un commento